News

Agripiù vi informa - I benefici dati dalle piante come antistress in questo periodo

02/04/2020

ANTI-STRESS PER I CITTADINI IN CASA

 

#psicologicontrolapaura

#IORESTOACASA

 

SUGGERIMENTI PER GESTIRE LO STRESS E SALVAGUARDARE IL BENESSERE POSSIBILE

AL TEMPO DEL CORONAVISUS

 

Negli anni ’80 il biologo americano Edward Osborne Wilson propose la teoria della Biofilia, che rivoluzionò l’idea del nostro rapporto con la natura. Secondo lo scienziato, per quanto l’umanità viva sempre più in contesti urbani, tra asfalto e cemento, è sempre viva in noi una predilezione spontanea per specifici ambienti naturali.

L’istinto, dice la teoria, ci orienta ancora verso quegli scenari che favorivano la sopravvivenza dei nostri antenati. Luoghi verdeggianti, magari con fonti d’acqua e un’ampia panoramica, avrebbero su di noi effetti distensivi. Al contrario, scenari cittadini privi di vegetazione indurrebbero un incremento dello stress. Alcune ricerche scientifiche hanno trovato conferme a queste ipotesi.

Un quadro che preoccuperà chi vive in città e non può raggiungere, in poco tempo, ambienti naturali incontaminati. Tuttavia, è sempre la ricerca a offrire un elemento di consolazione: anche piccoli angoli di “natura domestica”, come quelli offerti dal giardino o dalle piante in vaso, possono avere effetti rilassanti sulla psiche. E il giardinaggio stesso è un’attività che ci regala diversi benefici!

 

Il giardinaggio, un calmante naturale

 

Gli effetti antistress del giardinaggio sono risaputi. Sir Richard Thompson, medico inglese ed ex presidente del “Royal College of Physicians”, ha dichiarato che i medici dovrebbero promuoverne di più la pratica, come “terapia complementare” per i pazienti. Ciò comporterebbe secondo Sir Thompson anche un risparmio per il sistema sanitario nazionale, migliorando le condizioni di salute. Ad accreditare l’argomentazione, troviamo ad esempio gli studi dello psicologo americano Roger Ulrich che, dagli anni ottanta agli anni 2000, ha riscontrato i benefici di parchi e giardini per i pazienti degli ospedali.

Thompson ha affermato che la semplice vista delle piante può migliorare la frequenza cardiaca e aiutare a ridurre l’uso di antidolorifici. Considerando che è stato per 21 anni il medico della Regina Elisabetta prima di andare in pensione, possiamo sicuramente fidarci delle sue parole!

 

Sempre in Inghilterra, al centro di medicina generale Cornbrook Medical Practice di Manchester, ha preso il via un’iniziativa che valorizza il giardinaggio come attività salutare. I pazienti che durante il ricovero hanno sofferto di ansia, depressione e solitudine, oltre a poter curare il verde della clinica, ricevono una pianta in vaso quando vengono dimessi. In genere si tratta di piante officinali, come la melissa e l’erba gatta. Dovranno prendersene cura e, dopo un po’ di tempo, tornare al Cornbrook per piantarle in uno spazio verde. Il progetto è nato proprio osservando quando i pazienti riuscivano a rilassarsi grazie al giardinaggio, durante il ricovero.

 

I motivi degli effetti benefici: dal contatto con la natura al coinvolgimento

 

         Le spiegazioni degli effetti benefici del giardinaggio sono varie. Da un lato è possibile che le piante, come sostenuto dalla teoria della Biofilia, soddisfino una spontanea, istintiva attrazione che proviamo per la natura. Inoltre, la pratica attiva può aiutare ad alleviare lo stress e allontanare i pensieri negativi.

Il giardinaggio vissuto con costanza e continuità, come ogni appassionato sa, richiede impegno, concentrazione, memoria. Occorre conoscere e ricordare i ritmi di ogni pianta, quando innaffiarla, quando travasarla se è in vaso, quando e come potarla se occorre. Operazioni che impegnano momentaneamente corpo e mente e rendono più facile, per un po’, distrarsi dalle preoccupazioni.

Inoltre, curare il giardino o le piante in vaso, creando un ambiente affascinante e vario, aiuta a sentirsi capaci e competenti favorendo l’autostima.

Non vi sembra di avere il dono del pollice verde? Non preoccupatevi, la natura è ricca e generosa ed esistono piante di tutti i tipi, alcune piuttosto facili da coltivare. Superate le difficoltà iniziali, la cura del verde potrà darvi grandi soddisfazioni.

E la psiche ringrazierà!

 

 

Altre News

Come concimare le piante acidofile coltivate in vaso

09/05/2019

  Dobbiamo prestare attenzione quando vogliamo concimare le piante acidofile, poiché richiedono una "dieta" un po' personalizzata. Sono dette piante acidofilequelle che preferiscono un substrato di coltivazione acido, cioè con un pH inferiore a 7. L'analisi del pH del terreno di un giardino può essere affidata a un laboratorio specializzato, per ottenere la massima precisione, oppure possiamo farla da noi con un kit che troviamo facilmente nei centri giardinaggio. Il pH viene calcolato su una scala da 1 a 14: se il dato è inferiore a 7 il terreno ...

Peltracom, substrati di qualità superiore

16/04/2019

Peltracom, substrati di qualità superiorePeltracom opera nel settore dei terricci e dei substrati sin dal 1980 producendo e vendendo terriccio da coltivazione, torba, cortecce decorative e ammendanti sia per il settore professionale che hobbistico. Le pietre miliariLa prima esportazione verso la Francia avvenne nel 1983. La Francia è stata da subito il principale mercato per Peltracom, fornito da due siti produttivi in loco. L'unità produttiva nell'area portuale di Arles è stata inaugurata nel 1995 mentre Humuland nella regione dei Landes ha preso il via nel ...